Hécatombe edizioni – Ginevra (CH)

banner hecatombe (1)
Hécatombe edizioni – Ginevra (CH)

Cosa:E’ un giovane progetto editoriale collettivo nato tra i laboratori serigrafici ginevrini del L’usine e di Drozophile.
Gli autori sono anche i produttori e stampatori dei libri e poster che presenteremo in anteprima nazionale.
Dove:Csa Sisma – via Alfieri 8 – MC

Quando:Sabato 18 Aprile ore 16:00

Link: http://www.hecatombe.ch

Drozophile edizioni – Ginevra (CH)

banner-drozophile-ok

Drozophile edizioni – Ginevra (CH)

Cosa:Christian Humbert Drozo è un nonno amorevole,un simpatico baffone sempre pronto a celiare,ma soprattutto è il direttore della casa editrice di libri serigrafati Drozophile,
attiva da 18 anni,temuta e rispettata in tutta Europa.
Per la prima volta in Italia,ospiteremo le mostra delle sue collaborazioni con autori del calibro di Elvis Studio (Helge Reumann e Xavier Robel),Blanquet,Fabio Viscogliosi,Jochen Gerner,Gael Rougy,Nathalie Desforges,Evelyne Mary,EXEM,Nadia Raviscioni.

Dove:Csa Sisma – via Alfieri 8 – MC
Quando:Sabato 18 Aprile ore 16:00

Henning Wagenbreth – !WOW! Simmetrical papercuts

banner wagenbreth

“!WOW! Simmetrical papercuts – La mostra”
Mostra e workshop di e con Henning Wagenbreth curata da Strane Dizioni

Inaugurazione con musica e workshop: 18 Aprile 2015 ore 15:30
Mostra: 18 Aprile – 3  Maggio 2015
Dove:Museo della Carrozza, Via Don Minzoni, 24, Macerata
Cosa:Presentazione Libro !WOW! Di H.Wagenbreth (Strane Dizioni 2014) e Laboratorio di Papercutting.

Laboratorio di Papercuts “PAPER SYMMETRIES” con Henning Wagenbreth

Nella storia delle arti grafiche,il disegno ed il taglio sono sempre stati in stretta relazione da quando caratteri mobili e icone furono incise su vari materiali,dando così il via alla stampa.
I primi artisti grafici disegnavano tracce con penne o pennelli su pietra,legno e più di recente su metallo,per poi scolpirne i tratti “nel” supporto.
Con poche semplici piegature,cerchiamo di scoprire cosa succede quando entrano in gioco le simmetrie.

Il taglio della carta piegata obbliga il grafico ad astrarre la sua idea ed è una gioiosa forzatura a semplificare per concentrarsi sul messaggio.

Cosa:Piegheremo,disegneremo e taglieremo carta.

Quando:Sabato 18 Aprile 2015 dalle 15:30 alle 17:00
Dura:20/30 minuti
Quanti:Gruppi di 20 persone
Dove:Museo della Carrozza,Macerata

Quanto:Gratuito

Come:scrivere mail con titolo “ WS WAGENBRETH” a ratatafestival@gmail.com

Virginia Mori

02haircut-fotogramma

Domenica 19 aprile 2015

ore 18,30 CSA Sisma
Virginia Mori presenta “Haircut” e il Libro  “vento” realizzato con Virgilio Villoresi  ed edito da Withstand
Incontro con l’autrice e video proiezioni corti di Virginia Mori
Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Partecipa a diversi eventi artistici in Italia e all’estero.Nel 2008 vince il premio “SRG SSR idee suisse” ad Annecy Call for project  che le permette di realizzare il corto di animazione “Il gioco del silenzio”, premiato e selezionato in diversi festival internazionali e nel 2011 il premio “Abbaye de Fontevraud” che le permette di lavorare alla progettazione del suo prossimo film nella residenza dell’omonimo centro culturale francese .i suoi disegni a penna bic sono stati esposti in diverse collettive e personali, in Italia e all’estero.Attualmente collabora con il collettivo Withstand , con cui ha di recente realizzato le illustrazioni  del videoclip musicale “Walt Grace’s Submarine test”  di John Mayer, con la regia di Virgilio Villoresi. 

premi vinti: con “il gioco del silenzio”: premio SRG SSR idee suisse ad Annecy International Project Competition 2008, premio best experimental film a FlipFestival (inghilterra 2010) due menzioni speciali a Animateka (Lubiana 2010). 3°classificato premio Oscar Signorini (Milano 2010).premio miglior animazione presso Filmmakers al chiostro (cinemazero-Pordenone). Con “haircut-progetto”premio Abbaye de Fontevraud (Annecy call for project 2011).Con “Rachele” videoclip per Verderame: premio Fnac,miglior videoclip a Montecatini FilmVideo2011; primo premio Nickelclip,Torino 2011.

LINKS:

www.blugallery.it

http://www.withstandfilm.com

http://www.virgiliovilloresi.com

http://www.societaperlarte.it

http://www.nomadica.eu

http://www.spaziomeme.org

Workshop di cianotipia a cura di Cuartonigro Photolab

banner cianotipia

Workshop di cianotipia a cura di Cuartonigro Photolab
Quando: Domenica 19 Aprile 2015 – ore 15>18
Dove: CSA Sisma
Cosa: Laboratorio sulla stampa al cianotipo
Il workshop si apre con spiegazione, apprendimento e pratica della cianotipia. I partecipanti saranno invitati a
portare su pennetta usb o inviare via mail una propria fotografia che sarà convertita in immagine negativa stampata
su supporto lucido. Durante il laboratorio saranno spiegate e messe in pratica tutte le fasi del processo per realizzare la cianotipia della propria immagine. A fine workshop rilasceremo per ogni partecipante dei fogli riepilogativi contenenti indicazioni tecniche essenziali per ripetere gli esperimenti.
Quanti: Massimo 20
Come: scrivere mail con titolo “ WS Cianotipia ” a ratatafestival@gmail.com
Quanto: 18€ – espositori 15€

Il workshop si apre con spiegazione, apprendimento e pratica della cianotipia. I partecipanti saranno invitati a portare su pennetta usb una propria fotografia che sarà convertita in immagine negativa stampata su supporto lucido. Si prosegue con la spiegazione del processo, realizzazione delle polveri con indicazione dei quantitativi e con spennellamento dimostrativo dell’emulsione sul foglio di carta. Per evitare problemi e attese d’asciugatura si consegnano dei fogli per la stampa già spenellati e pronti, con i quali si potrà procedere all’esposizione che avverrà tramite bromografo, oppure se c’è il sole, basterà portare un pò di lastre in vetro per pressare, e si potrà lavorare ancora più velocemente. Successivamente si passerà alle bacinelle per lo sviluppo (con spiegazione dell’uso di acqua ossigenata e un di acido citrico per accellarare i tempi). A fine workshop rilasceremo per ogni partecipante dei fogli riepilogativi contenenti indicazioni tecniche essenziali.

Cos’è la cianotipia?
La cianotipia è un antico metodo di stampa fotografica caratterizzata dal tipico colore Blu di Prussia.
Lo scienziato e astronomo inglese Sir John Herschel inventò questo procedimento nel 1842, a pochi anni dal varo della fotografia da parte di Fox Talbot in Gran Bretagna e Louis Daguerre in Francia.
Mentre i sistemi ideati da Talbot e Daguerre sfruttavano la fotosensibilità dei sali d’argento, il processo messo a punto da Herschel si basava su alcuni sali di ferro, precisamente il ferricianuro di potassio e il citrato ferrico ammoniacale. Questi due sali, mescolati assieme, sono molto sensibili e reagiscono quando posti di fronte alla luce di tipo solare. Frapponendo un negativo tra la luce ultravioletta e un foglio di carta su cui è stata applicata la soluzione ai sali ferrici, si produce un’immagine fotografica.
Il cianotipo è rimasto famoso nella storia della fotografia anche perché venne sfruttato pochi anni dopo la sua scoperta da Anna Atkins, considerata da molti la prima donna fotografa della storia. Lo stesso procedimento di stampa, grazie alla sua versatilità, è rimasto in uso, oltre che in fotografia, anche per la riproduzione di disegni tecnici e di planimetrie, almeno fino agli anni quaranta del XX secolo. In queste applicazioni, sia pure nelle sue varianti, il procedimento ha preso anche il nome di cianografia o di “blueprint”. [da Wikipedia]

Perché un workshop di cianotipia a Ratatà?
Nelle ultime fiere di self-publishing che abbiamo visitato o in cui siamo stati invitati, abbiamo notato un grande presenza dell’immagine fotografica, con un utilizzo sempre più massiccio nel collage, nella poster-art e anche nelle auto-produzioni più artigianali. Far conoscere questo procedimento di stampa fotografica, relativamente semplice e totalmente handmade, può aprire molte strade di sperimentazione e, sicuri del fermento creativo che attraversa il festival, questa tecnica potrà trovare nuovi originali spazi di applicazione. Vi aspettiamo domenica per sperimentare, giocare, creare! Viva il contagio tra mezzi e tecniche!!

Eccoli. Personale di Stefano Ricci

4 Eccoli. Raccontali
Personale di Stefano Ricci
Dal 18 aprile al 3 maggio 2015
Arena Sferisterio, Piazza Nazario Sauro, Macerata
Inaugurazione sabato 18 aprile, ore 11,30

Festa d’aprile

Festa-d'Aprile_Banner4-FB
Festa d’aprile
Dall’11 al 19 aprile.
Storie partigiane scritte e disegnate, per i 70 anni della Liberazione.
Cinema Italia, via Antonio Gramsci 25, Macerata
Venerdì 17 aprile, ore 17 e 30, incontro con gli autori, moderatore Matteo Petracci.
In collaborazione con AltreVisioni Festival, Macerata [link]

 

MadreTerraMorta

banner madreterramorta
MadreTerraMorta
Dal 17 aprile al 3 maggio 2015
Sei artisti indipendenti italiani riflettono sulla natura e sul suo deterioramento.
con Canemorto, Denis Riva, James Kalinda, Lucamaleonte, Signora K, Nicola Alessandrini
Laboratorio 41
via Maffeo Pantaleoni 41, Macerata.
Inaugurazione venerdì 17 aprile, ore 18,30.
kalindaimages
James Kalinda vive sull’ appenino reggiano.È un tatuatore. Dipinge con il fucsia e il nero.James Kalinda firma i suoi disegni con un fumetto nero. Mette al centro delle sue rappresentazioni gli esseri umani mentre la desolazione dei luoghi abbandonati, come case e fabbricati, sono il paesaggio tipico di cui si nutre la sua creatività. Il suo lavoro ha un forte legame anche con la natura e le sue deformazione.I temi ricorrenti nei suoi lavori sono la vita e la morte.
signorakimages
Signora K. Nata in città’ a Reggio Emilia, dove ho lavorato come atelierista per l’infanzia, sono andata a vivere sui monti con famiglia e gatti.
Dall’esigenza di ricerca e sperimentazione di nuovi mezzi e messaggi, la mia arte negli anni ha spaziato tra disegni, fumetti, illustrazioni, incisioni, quadri a olio, dipinti su muro.
Ultimamente mi sto muovendo verso l’affinamento di alcune tecniche, come l’acrilico su tela e la pittura murale mono e bi-cromatica.
Ogni tematica trattata è fortemente caratterizzata da una reinterpretazione personale, per questo ho spesso associato a soggetti diversi, diverse tecniche.
Ogni rappresentazione ha la necessità di raccontarsi, e, per fare questo, deve avere un modo di esprimersi tutto suo, fatto di segni e materiali propri.
Il tema dell’infanzia è sempre stato molto presente nei miei lavori, in quanto amo la carica primordiale e istintiva dei bambini. Come loro, cerco di osservare ogni cosa come fosse la prima volta e ricrearla nel mio mondo, in una sintesi tra maturità espressiva e libertà creativa.
Le mie ultime ricerche stanno prendendo una direzione più ancestrale, si muovono insieme alla natura di cui mi circondo e con cui cerco di vivere, nel rispetto dei suoi frutti e dei suoi abitanti. Ritrovo nella terra, nel femminile, negli animali, il senso più profondo dell’uomo, del suo vivere armonicamente primitivo.
Ho esposto e dipinto in diversi luoghi tra cui: Reggio Emilia, Parma, Modena, Bologna, Ferrara, Ancona, Milano, Lucca, Lucerna (Svizzera) e pubblicato due racconti scritti e illustrati con la casa editrice Fedelo’s (La Casa di Pozzi, 2009 e La bambina che voleva essere Superman, 2010).
denisrivaimages

Denis Riva, detto Deriva, ha esplorato a fondo il Ganzamonio, sua terra di origine, usandolo come atomizzatore di idee. Perennemente impegnato nella sua ricerca personale, adora sperimentare e fondere tecniche artistiche diverse. Deriva lavora con la precisione dello scienziato, la semplicità del bambino e la produttività della formica, affidandosi anche all’intervento del caso.Riporta l’equilibrio nel caos degli elementi, o lo sconvolge provocando reazioni imprevedibili, in un’oscillazione continua fra ironia e riflessione profonda. Nato nel 1979 a Cento fe, vive e lavora a Follina tv. www.denisriva.com

lucamaleonteimages

Lucamaleonte nasce nel 1983 a Roma, città dove vive e lavora. Laureato all’Istituto Centrale per il Restauro della capitale, l’artista ha realizzato i suoi primi lavori sui muri di Roma intorno al 2001. L’inizio è stato con poster e adesivi, ma in breve tempo la sua attenzione si è spostata sulle opere su tela. E’ passato dal perfezionare la tecnica a stencil, che lo ha accompagnato per un decennio, a una ricerca legata alle tecniche calcografiche tradizionali. Oltre cinquanta mostre tra personali e collettive dal 2004 ad oggi per l’artista romano: dalCans Festival a Londra promosso dal guru della street art internazionale Tristan Manco, all’imponente street art group show Scala Mercalli all’Auditorium di Roma, all’esposizione itinerante Twenty Street Artists commissioned by Green Day negli States. Lucamaleonte è stato invitato a esporre in tutto il mondo, da Milano a Melbourne e Adelaide, passando per Berlino, Parigi, e New York. Con il collettivo francese Stencil History X, l’artista ha esposto nelle principali capitali europee, da Londra a Barcellona. Non solo artista, ma anche promotore della street art internazionale, insieme agli artisti Sten e Lex ha ideato e curato le tre edizioni del festival International Poster Art a Roma. Nel 2010 e nel 2011 è stato chiamato con gli Orticanoodles a tenere due workshop al MART di Trento e Rovereto. Recentemente è stato chiamato dall’ambasciata ItaloBrasiliana per il progetto Mural Italia-Brasil, per il quale ha realizzato diversi interventi murali a Salvador in Brasile (2012). Grande successo ha avuto la mostra che la Casa dell’Architettura di Roma gli ha dedicato nel Marzo del 2012.

canemortoimages

CANEMORTO è uno e trino. Tre teste, anzi due e mezzo, che dal 2007 dipingono senza previa autorizzazione su costruzioni in muratura, sassi, mattoni o altro materiale ordinato e commesso con calcina o cemento. Ti è mai capitato di vedere un cane morto al bordo della strada? Di sicuro ti disgusta e ti ripugna, ma non riesci a smettere di fissarlo e, sotto sotto, desideri toccarlo con un bastoncino…  http://canemorto.tk/

nicimages

Nicola Alessandrini è nato il 31 dicembre del 1977 a Macerata. Ha frequentato la scuola materna di via Panfilo, di fianco al mattatoio comunale: nei ricordi le ricreazioni in giardino fra risa di bambini e pianti di animali. Le scuole elementari le ha fatte al De Amicis, il gruppo dei maschi non lo voleva perchè non giocava a calcio e quello delle femmine perchè era maschio. Durante le medie al Verdi leggeva Buzzati per “antologia”e disegnava carcerati per “educazione artistica”. Al liceo Leopardi andava senza libri e senza compiti solo per vedere la ragazza di cui era di volta in volta innamorato. Poi durante l ‘accademia di belle arti è diventato padre; ha fatto varie mostre e cose belle, nella testa sempre e comunque pianti di bambini e risa di animali. nicolaalessandrini.wordpress.com

“Una storia al giorno” Workshop di e con Stefano Ricci

TopoRicci “Una storia al giorno” Workshop di e con Stefano Ricci Quando: 12-13-14-15-16 Aprile 2015 Dove: TerminalMc Cosa: Laboratorio di illustrazione e microeditoria. Partendo dall’osservazione di luoghi della città e dal confronto diretto con Stefano Ricci,alla fine del workshop, ogni studente avrà disegnato, ed eventualmente scritto le sue storie, una al giorno. Ma avrà anche seguito il processo di riproduzione, impaginazione, stampa, rilegatura, che serve per fare nascere il libro che conterrà queste storie. Quanti: Massimo 20!

il costo è di 220 euro
per studenti accademia 200 euro
per espositori e partecipanti al festival 200 euro

Come: scrivere mail con titolo “ WS RICCI ” a ratatafestival@gmail.com